INCARICHI E RICONOSCIMENTI SIGNIFICATIVI PER DOCENTI DELL’ATENEO

in
Docenti di aree diverse che si sono distinti nel loro campo di studi

La buona reputazione dell’Università di Trento è, in gran parte, frutto della competenza dei suoi docenti e ricercatori e dell’accreditamento che essi ricevono sia a livello nazionale che internazionale. Negli ultimi mesi alcuni docenti dell’ateneo di aree di studio diverse hanno ricevuto incarichi e riconoscimenti significativi. Si tratta di Lorenzo Bruzzone, Carlo Casonato, Giuseppe Nesi e Corrado Priami.

Lorenzo BruzzoneLorenzo Bruzzone, professore ordinario del Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell'Informazione, è nella classifica dei primi 10 scienziati al mondo nel settore del telerilevamento.
La classifica è stata redatta sulla base di uno studio bibliometrico condotto nel periodo 1991-2010 e pubblicata sulla rivista scientifica internazionale "Scientometrics".
L'analisi è stata condotta considerando i ricercatori di 14.384 istituti di ricerca che operano nel settore del telerilevamento. La classifica include nelle prime posizioni scienziati delle più prestigiose università e centri di ricerca internazionali (es. University of California-Berkeley, Stanford University, NASA).
In base alla classifica redatta il professor Bruzzone risulta il primo ricercatore europeo nel ranking.

Carlo CasonatoCarlo Casonato, professore ordinario di Diritto costituzionale, Biodiritto e Bioetica presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento, è stato nominato componente del Comitato Nazionale per la Bioetica della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Il Comitato, istituito nel 1990, ha sia funzioni di consulenza presso il Governo, il Parlamento e le altre istituzioni, sia funzioni di informazione nei confronti dell'opinione pubblica sui problemi etici emergenti. Vengono nominati 26 membri ogni 4 anni. Il Comitato svolge la propria attività anche all'estero, con regolari incontri con i Comitati etici europei e con i Comitati etici del mondo.
Il professor Casonato coordina il Progetto BioDiritto dell'Università di Trento (www.biodiritto.org) relativo a tematiche giuridiche legate alla bioetica e alle scienze della vita ed è membro del Comitato etico per la sperimentazione con l'essere vivente dell’Ateneo.

Giuseppe NesiGiuseppe Nesi, professore ordinario di Diritto internazionale all’Università di Trento e direttore del Dipartimento Facoltà di Giurisprudenza è stato nominato membro permanente del Comitato interministeriale per i diritti umani (CIDU). La nomina è stata fatta dalla ministra degli Esteri Emma Bonino.
Nato nel 1978, il Comitato interministeriale per i diritti umani è un organismo che ha il compito di coordinare l’attività governativa in materia di promozione e tutela dei diritti dell’uomo, in relazione agli obblighi assunti dall’Italia con la sottoscrizione e ratifica di convenzioni e patti internazionali. Il CIDU svolge anche un’attività istituzionale e continuativa come "focal point" in Italia degli organi di monitoraggio degli organismi internazionali delle Nazioni Unite e del Consiglio d’Europa.
Il Comitato ha sede presso il Ministero degli Affari Esteri, è presieduto da un alto funzionario della carriera diplomatica ed è composto da rappresentanti di ministeri, amministrazioni ed enti che a vario titolo si occupano delle tematiche dei diritti umani. Vi fanno parte anche tre eminenti personalità del mondo accademico e scientifico nel campo dei diritti umani. Proprio tra queste ultime è stato chiamato a far parte il professor Nesi. per l’esperienza da lui maturata in ambito internazionale e per l’attività di ricerca svolta nell’ambito della lotta al terrorismo e nel diritto internazionale umanitario.

Corrado PriamiCorrado Priami, professore ordinario del Dipartimento di Matematica dell’Ateneo nonché presidente e amministratore delegato di COSBI, è stato chiamato da Umberto Veronesi a far parte del Comitato scientifico della sua Fondazione, da anni impegnata nella lotta contro il cancro. La nomina conferma il buon posizionamento di COSBI, il centro di ricerca nato nel 2005 dalla partnership tra Università di Trento e Microsoft Research, nel panorama scientifico internazionale e il riconoscimento da parte della comunit