Premiazione della squadra dell'Università di Trento al Virginia Tech

STUDENTI DELL’UNIVERSITÀ DI TRENTO PREMIATI AL VIRGINIA TECH

in
Un concorso internazionale per progetti imprenditoriali
di Sandro Trento
Approfondimento: 

Il mondo del lavoro è cambiato profondamente in questi anni, si riducono le opportunità di lavoro e di carriera nelle grandi organizzazioni mentre si aprono nuove opportunità per progetti di natura imprenditoriale. In ogni ambito lavorativo ormai si richiedono capacità di tipo creativo e imprenditoriale, questa è una delle grandi rivoluzioni del XXI secolo.
Il Dipartimento di Economia e Management (DEM) dell’Università di Trento da vari anni fornisce corsi di formazione imprenditoriale. Tra le diverse iniziative, vi è una laurea magistrale in inglese, offerta congiuntamente con la Scuola Sant’Anna di Pisa, in Innovation Management (MAIN), aperta a studenti con laurea triennale sia economica sia tecnica e scientifica. MAIN sta riscuotendo un discreto successo. Vi sono inoltre vari laboratori di taglio creativo e imprenditoriale.
Quest’estate due studentesse iscritte al corso di laurea MAIN e un dottorando in Informatica presso l’Università di Trento, hanno costituito una squadra, chiamata GraphInsight, ed hanno partecipato al concorso internazionale per nuove idee imprenditoriali “VT Business Challenge” organizzato da Virginia Tech, ateneo politecnico negli Stati Uniti.

I tre studenti dell’Università di Trento: Alice Porrà, Gintare Simkute e Michele Dallachiesa hanno vinto il premio speciale del pubblico al “VT Business Challenge” pari a 5.000 dollari.
La squadra GraphInsight aveva precedentemente vinto sia il MIM Business Challenge (organizzato dal Dipartimento di Economia e Management) e InnovAction Lab organizzato da Trento RISE. Il Dipartimento di Economia e Management e Trento RISE hanno finanziato la partecipazione di GraphInsight al concorso in Virginia (USA).
Il concorso “VT KnowledgeWorks Business Challenge” è alla sua quinta edizione che ha ospitato squadre di studenti e start-upper da Australia, Austria, Belgio, Canada, Cile, Cina, Colombia, Egitto, Francia, Italia, Malesia, Messico, Regno Unito, Stati Uniti. I progetti imprenditoriali sono stati valutati sulla base di criteri quali l’esistenza di un solido mercato per il prodotto, il vantaggio competitivo, la credibilità del business plan, le competenze del team e la professionalità della presentazione agli investitori.
L’Università di Trento è stata l’unico ateneo italiano a partecipare a tutte le edizioni di questo concorso.
Si tratta di un ottimo riconoscimento per l’impegno che il nostro ateneo sta rivolgendo alla formazione manageriale e imprenditoriale. Da anni infatti nel Dipartimento di Economia e Management sono state favorite forme di contaminazione tra studenti e giovani imprenditori in modo diretto e anche appassionante.

In una fase nella quale l’Italia, secondo il recente Rapporto della Commissione europea, esce dalla top 100 delle regioni più competitive, va osservato che la Provincia di Trento ha guadagnato una trentina di posizioni rispetto all’ultimo triennio, in esatta controtendenza con la Lombardia, la regione più competitiva d’Italia secondo la Commissione europea.
Trento è un territorio nel quale si stanno investendo risorse rilevanti per favorire la nascita di nuove imprese soprattutto giovanili. Vi sono infatti iniziative di varia natura che promuovono la nascita di start up, in vari settori, dall’informatica alle tecnologie eco-sostenibili, dal settore sociale e no-p