© Santi Rodríguez - Fotolia.com

MONTAGNA E DIRITTO

in
Responsabilità civile e penale e regole per la sicurezza negli sport legati al turismo
di Umberto Izzo e Stefania Rossi

Ha registrato un grande successo di pubblico il convegno organizzato presso la Facoltà di Gurisprudenza il 3 maggio scorso sul tema “Montagna e responsabilità“. L’evento è stato promosso dal professor Umberto Izzo in occasione della presentazione del primo volume – dedicato appunto alla montagna – del Trattato La responsabilità civile e penale negli sport del turismo, edito da Giappichelli, che si propone di offrire un‘analisi esaustiva e sistematica della responsabilità civile e penale e delle regole di sicurezza connesse allo svolgimento degli sport del turismo. Il professor Umberto è il curatore del volume e direttore scientifico della collana (che proseguirà in due prossimi volumi dedicati agli sport dell’aria e dell’acqua) con i professori Gabriele Fornasari, Leonardo Lenti e Francesco Morandi. L’iniziativa editoriale nasce dalla consapevolezza che lo sport rappresenta una componente essenziale delle dinamiche economiche sottese al fenomeno turistico. Senza lo sport - che è al centro delle Universiadi trentine in programma il prossimo dicembre - gli operatori del comparto turistico vedrebbero notevolmente ridimensionata la domanda che alimenta l’oggetto della loro attività, una domanda che in Trentino vede al centro la montagna estiva ed invernale e che genera il 15% del PIL provinciale. 

L’introduzione è stata affidata al professor Izzo che ha illustrato il piano generale dell’opera e il sito che ne accompagna la pubblicazione (www.dirittodeglisportdelturismo.it), attraverso il quale i temi del Trattato saranno oggetto di costante aggiornamento. L’intervento del professor Francesco Morandi (ordinario di Diritto dei Trasporti presso l’Università di Sassari) ha evidenziato l’incidenza sul mercato nazionale e internazionale del fenomeno turistico-sportivo e l’importanza delle regole di sicurezza di queste attiv