IL CINEMA DELLA MEMORIA

in
Alla Facoltà di Giurisprudenza un ciclo di film per riflettere con studiosi ed esperti sulla nostra storia recente
di Maurizio Cau ed Elisabetta Pederzini

Il progetto Diritto e cinema è nato dal pensiero che qualunque sistema giuridico non è per così dire ‘autosufficiente’, ma è indissolubilmente legato a valori, principi e orientamenti ideali imperanti nella società di cui è espressione. Se il discorso giuridico non è in grado di reggersi autonomamente, se “il problema del diritto è problema di ogni uomo e si pone quotidianamente a ciascuno di noi” vale forse la pena, come indicava già a metà del secolo scorso Tullio Ascarelli, insigne giurista e grande ‘visionario’, simbolizzarne i termini ricorrendo ‘prima che ai dotti, ai saggi e, ancor prima che agli studiosi, ai poeti’. Nel corso dei decenni il cinema è divenuto uno dei territori privilegiati della riflessione che l’arte proietta sul mondo e quindi ci è parso naturale utilizzarlo come strumento di esplorazione di processi che, su altre basi e con diversi strumenti, lo stesso giurista è chiamato ad analizzare.

Nata nel 2005 come rassegna serale per pochi cinéphiles, divenuta nel 2008 parte integrante dell’offerta didattica della Facoltà di Giurisprudenza, l’iniziativa si è sviluppata intorno all’idea secondo cui anche il film, come modalità rappresentativa della realtà, può offrire un contributo alla conoscenza delle più intime strutture del fenomeno giuridico rivelando, come in uno specchio, la percezione sociale diffusa del diritto, il modo nel quale il diritto è “sentito”, vissuto o addirittura subito dalla collettività.

L’edizione di quest’anno è nata dal fruttuoso sodalizio con Memoria e Diritto, un progetto nato con l’obiettivo di porre l’attenzione su alcuni dei passaggi maggiormente critici della storia del nostro Paese, al fine di riflettere sui principi intorno a cui la vita costituzionale italiana si è andata strutturando. Da questa collaborazione ha preso forma Memoria Diritto Cinema. Fram