Herrenchiemsee

CONFLITTI ETNICI E STATI NAZIONALI

in
Un gruppo di studenti e docenti dell’Ateneo partecipa in Baviera a un convegno euro-americano presso l’Akademie fur Politische Bildung Tutzing
di Olga Bombardelli

Gli studenti dell’Università di Trento varcano i confini; molteplici sono le occasioni formative per loro, anche all’estero, offerte dall’Ateneo. 

Recentemente una delegazione di giovani delle lauree magistrali e del dottorato di ricerca del Dipartimento di Lettere e Filosofia, guidata dalla professoressa Olga Bombardelli, cattedra Jean Monnet di educazione alla cittadinanza europea, ha partecipato ad un convegno euro-americano presso l’Akademie für Politische Bildung a Tutzing, amena località bavarese. 

In questo centro di ricerca e formazione ha avuto luogo, dal 14 al 19 aprile 2013, un’interessante conferenza dal titolo: “Solving ethno‐national conflicts in Europe”, in cooperazione tra l’Akademie, la Bundeszentrale für politische Bildung di Bonn ed il Center for Civic Education di Los Angeles.

La conferenza ha focalizzato l’attenzione su una tematica complessa per la collaborazione europea: i conflitti etnico-nazionali che si sono presentati ripetutamente dopo la creazione degli Stati nazionali e le possibilità di risolverli in modo costruttivo. In Europa ciò ha portato alla creazione di diversi accordi per definire le relazioni tra le popolazioni maggioritarie e le minoranze etniche locali, dato che tali conflitti sopravvivono nel processo di unificazione europea. 

L’obiettivo di queste conferenze è stato informare e ipotizzare soluzioni ai conflitti che continuano, ancora oggi, a verificarsi con sempre maggiore intensità; si è anche discusso su come queste problematiche possano essere affrontate nel campo dell’educazione civica. La conferenza era rivolta principalmente a ricercatori ed esperti nel campo dell’educazione civica, così come ad esponenti politici. 

Il 14 aprile il