Croce, Filosofo europeo

IL FASCINO DEL PENSIERO DI BENEDETTO CROCE

in
Nel 60° anniversario dalla scomparsa la commemorazione del grande filosofo
di Nestore Pirillo

Nell’anniversario dalla scomparsa di Benedetto Croce è stato promossa  a Trento un’iniziativa che si propone di pensare lo storicismo crociano come una filosofia pienamente europea, secondo istanze ereditate nel nuovo secolo e che ormai non possono più essere considerate, come appariva ed era negli anni ’50, istanze, antitradizionalistiche, eretiche ed esterne agli studi storici. E non lo può essere in base alla documentazione della ricerca, pubblicata intorno e insieme all’Edizione Nazionale delle opere del maestro di Palazzo Filomarino. Sessant’anni dopo il novembre 1952, lo storicismo crociano sembra poter essere letto in tutta la sua dimensione, italiana ed europea, nazionale e transnazionale, calato nel suo tempo e a noi “contemporaneo”, come un riferimento ermeneutico per la “comprensione storica” del nuovo secolo.  

Su questo presupposto avvalendoci della consulenza di giovani studiosi, è stato proposto al Centro d’Italianistica e al Dipartimento di filosofia dell’Università di Innsbruck un programma di lavoro per un  approccio filologico, filosofico e storico all’opera di  Croce. Il programma  è stato sottoscritto dal Dipartimento di Filosofia di Pisa, da altri prestigiosi centri di studi trentini (la Fondazione del Museo Storico di Trento, il Centro Culturale Rosmini di Trento, l’Accademia degli Agiati di Rovereto, il Centro di alta formazione di Bolzano) e ha ottenuto il patrocinio dell’Istituto Italiano per gli Studi storici di Napoli.

Sulla base del programma, Croce Filosofo europeo è stato possibile discutere in primavera a Trento e in estate a Dobbiaco alcuni nodi dell’affascinante pensiero del filosofo meridionale. A Dobbiaco in particolare,  in un primo colloquio filosofico sulla tutela del paesaggio e le sue ragioni, abbiamo potuto discutere il tema: Croce, filosofia della natura e ambiente. Erano presenti come relatori uno storico già sottosegretario per la ricerca scientifica: il professor Giuseppe Tognon, e una figura nota ed eminente d’intellettuale tecnico-politico come quella di Guido Viale. Altri appuntamenti sono previsti in questo autunno ancora a Trento a Bolzano e ad Innsbruck, dove dopo un corso tenuto agli studenti austriaci dal dott. Carlo Brentari (Università di Verona), l’iniziativa si concluderà con un seminario dedicato a Croce e la filosofia italiana del Novecento.

Per quanto riguarda il corso tenuto in primavera a Trento, confesso di aver dovuto tenere insieme, con fatica lo sguardo degli studenti della laurea specialistica 2012 e quello di un vecchio bambino che aveva vissuto un sorprendente e insolito corteo funebre. Lo sguardo dei pochissimi studenti frequentanti, sembrava chiedermi: ma perché Croce? E nelle brevi e veloci discussioni, per me che a nove anni avevo assistito da un balcone nei pressi di Piazza del Gesù al funerale del filosofo, era imbarazzante conciliare un Croce una volta - ma tanto tempo fa - “papa laico della cultura italiana” e un pensatore poi considerato inattuale e messo da parte, con l’idealismo italiano, da una generazione post nichilista durante l’ultimo anno del liceo. In continuità con la loro formazione scolastica sembrava del tutto evidente agli studenti che nel sessantennio che ci separava dalla scomparsa del filosofo lo storicismo coi suoi studi era diventato un pensare lontano, testimone di una stagione troppo remota, giunta da tempo al suo tramonto.  

Il corso è diventato via via più affollato e gradualmente ha cominciato a prendere spazio la possibilità di pensare e contestualizzare un “errore” metodologico, ideologico ed effettuale, che porta a credere a un Croce arroccato in un ambito di ricerca ancora chiuso, oggi, al nuovo storicismo del pensiero europeo e americano ed esclusivamente legato alla costruzione di una tradizione ‘italiana’, che si vorrebbe vivente, del tutto differente, separata e sfuggente tanto alla “filosofia moderna”, da Cartesio a Hegel e a Nietzsche, quanto a quella che si delinea oggi col nuovo secolo, una volta attraversato il Novecento.  

A dare una mano e a visualizzare questo “errore” hanno contribuito, tra gli altri, alcuni testi: il testo di Marcello Mustè, Croce (Carocci 2009) che ha sostituito lo studio manualistico ed è divenendo testo base nelle esercitazioni, insieme allo studio insuperato di Gianfranco Contini pubblicato inizialmente in anni a ridosso del ridicolmente famigerato ’68 col titolo L’influenza culturale di Benedetto Croce, (Napoli Riccardo Ricciardi editore 1967). Significativamente per Contini ciò che è “vivo” della storia per Croce non era esclusivamente “filologico” ma filosofico e autobiografico. Non a caso Contini citerà insieme, accostandoli, il “pathos rattenuto”  di Croce e il “’Discours’ del razionalista Cartesio”. Per questo motivo Il Contributo alla critica di me stesso (a cura di F. Audisio, Bibliopolis 2006) e il Saggio sullo Hegel (a cura di A. Savorelli e con una nota di Claudio Cesa, Bibliopolis 2006) hanno provocato di riflesso una “attenzione fluttuante” da un problema ad un altro, orientata quasi esclusivamente verso una comprensione del “presente” e della propria condizione. Nella direzione di una storia come “storia contemporanea” ha fatto breccia anche un Croce “biopolitico” attento a tematizzare e a distinguere costantemente il vivo dal morto, tanto nel ‘tempo’ attuale quanto nella propria “autobiografia mentale” in formazione. In chiaroscuro nelle pagine crociane emergeva un interesse vivacissimo e vitale per il «buco nero» dello ‘storicismo’, la temporalità e insieme un autore in tacito e polemico  contatto con la propria “angoscia”. Croce consentiva di riprendere in un altro presente, storia e filosofia, le considerazioni sulla storiografia “psicologica” e quelle sullo “scartafaccio” di Luigi Martinotti comparate e capovolte rispetto alle considerazioni di Elvio Fachinelli a proposito dell’uomo col magnetofono. Sui temi della lingua viva o ‘laica’ si è concentrata nella sede della Fondazione del Museo storico di Trento, in un incontro attentamente seguito, Emma Giammattei del Suor Orsola Benincasa e sulla consistenza letteraria, implicitamente stilizzata e citazionistica della ‘scrittura’ crociana è tornato, con grande interesse degli studenti, a Palazzo Trentini, Davide Colussi dell’Università di Milano Bicocca.

Con la risonanza dei seminari, gli studenti, provenienti da Trento e da Bolzano, da Cassino e da Palermo hanno cominciato a sentire il fascino dell’autore anche quando non erano d’accordo. Il fascino di un autore che si voleva nato in un’assenza elaborata e altra dal proprio, “vitale” essere gettato. La “vita civile” e il “barocco” riletti dalla lente di Andrea Battistini dell’Università di Bologna, la “storia contemporanea” e il “Croce editore” riproposti da un ‘giovane’ editore fiorentino come Tommaso Codignola e perfino il Croce dei dirigenti comunisti che “venivano da lontano” riletto da Luca Basile dell’Istituto Gramsci scatenavano pensieri inediti in una generazione così nuova e lontana. La dichiarazione di Borges, segnalatami occasionalmente: “Ho letto quasi tutti i libri di Croce e non sempre sono d’accordo con lui, ma ne sento il fascino” (Nove saggi danteschi Adelphi 2001), veniva acquisita tra gli studenti come una presente verità. Del resto il fascino di pensare Croce confessato dal Borges del 1977 (un altro anno in Italia famigerato) aveva un antecedente nazionale in Ernesto De Martino, posto di fronte all’ondata europea e americana, dirompente in Italia negli anni ’60. 

De Martino può essere considerato l’allievo emblematico, proveniente dalla biblioteca di Palazzo Filomarino, che non aveva fatto arretrare Croce nella “filologia” o nella tradizione “liberale”  e “nazionale” né era risalito ad una “antica sapienza”, sottratta alla “modernità” e alla “religione della libertà”. De Martino aveva osato confrontarsi con Eliade e Foucault, con Jaspers e Sartre, con Freud, rivendicando pienamente la propria formazione. Non a caso il suo problema era stato, ancora 

prima di quegli anni, “continuare a pensare lo storicismo crociano sottoponendolo alla prova di mondi storici alla cui diretta esperienza storiografica esso non era nato” (Morte e pianto rituale ,1958). In effetti continuare a pensare Croce col suo fascino - come indicato da De Martino e Borges - faceva tutt’uno col pensare al fascino dei Frammenti di etica e alla drammaticità dell’azione che connette natura e cultura, una connessione non data logicamente (sostiene De Martino) e  che spiega il raccordo tra patologia e storia.

Era su questa strada che si poteva pensare lo storicismo italiano non separato dalla filosofia europea, per es. da Kant e da  Husserl come da Heidegger, dopo la  Critica della Ragion pura, dopo la “storicità” di Essere e tempo, dopo la Crisi delle scienze europee, e attraverso la fenomenologia italiana (Paci) e franco-tedesca. Come aveva indicato Max Horkheimer nella lettera di condoglianze inviata alla vedova del filosofo (cfr Appendice a Marta Losito, Croce e la sociologia Morano Napoli 1995, atti del convegno tenutosi alla Facoltà di sociologia di Trento), Croce faceva ripensare l’homme togliendolo dal vicolo cieco di un ‘sentiero interrotto’ e rendeva la filosofia italiana partecipe critica di un approccio attivo a quella europea. Insomma sentire il fascino di Croce, continuare a pensare Croce, è sembrato poter fare tutt’uno non solo col pensare insieme “filologia”, “filosofia” e “storia” e col pensare un Croce “italianista”. Pensare Croce con Benjamin e Loewith,  Croce con Thomas Mann e con Leo Spitzer, pensare il Croce dei carteggi, il Croce davanti al quale si inchinava la “teoria critica” era pensare la filosofia europea attraverso le frontiere.

Si può ritenere quella di Croce  una “filosofia vivente”, un pensiero “vivo” come suggeriva Contini,  perché non separato dalla tradizione nazionale, con i suoi fortissimi accenti “meridionali”, e perché riponeva questa tradizione in quella europea. Come mostrano i due scritti di Benedetto Croce e Renato Serra appena proposti ai lettori (Che cos’è la storia, Storia e letteratura 2012), Croce nostro contemporaneo riaffiora attivamente dentro il “nuovo mondo” del