Concorso di idee nell'area delle nuove tecnologie

CONCORSO DI IDEE NELL’AREA DELLE NUOVE TECNOLOGIE

in
Un’iniziativa per gli studenti promossa dal Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell'Informazione dell’ateneo
di Mirta Alberti

È stata presentata lo scorso 14 dicembre, presso il Polo scientifico e tecnologico Fabio Ferrari, la seconda edizione del "Concorso di idee" promosso dal Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell'Informazione (DISI) dell'Università di Trento.

L'iniziativa, nata nel 2010 su proposta di Dedagroup spa, ha visto quest'anno l'adesione di quattro importanti realtà aziendali attive nel settore Information and Communication Technology (ICT): DEDAGROPUP spa, GPI spa, ALES srl e TELECOM Italia spa.

Il concorso prevede che ogni impresa proponga un bando su specifiche tematiche ICT, in relazione alle proprie attività aziendali. Quest'anno gli argomenti hanno spaziato dall'informatica applicata ai servizi bancari e sanitari, ai sistemi elettronici e alle telecomunicazioni.

Nel corso dell'evento di presentazione, a cui hanno partecipato numerosi studenti dei corsi di laurea triennale e magistrale delle aree Informatica, Elettronica e Telecomunicazioni, le quattro aziende hanno avuto l'opportunità di far conoscere agli studenti le proprie aree di business e le tecnologie da loro utilizzate. Ciascuna ha poi illustrato le modalità di adesione al bando, rispondendo alle domande degli studenti. I quattro bandi sono stati aperti contemporaneamente lo stesso giorno della presentazione ed è ancora possibile aderire ad alcuni di essi inviando il progetto con l'idea innovativa entro le date previste dai singoli regolamenti. Seguirà una fase di selezione e valutazione e le tre migliori idee per ogni area del concorso saranno successivamente premiate con computer portatili e smartphone.

Scopo principale del concorso è individuare e valorizzare idee innovative nell'area delle nuove tecnologie. L’iniziativa mira a mettere in contatto la realtà universitaria con quella aziendale, facilitando l'incontro tra gli studenti e il mondo del lavoro. Proprio in quest’ottica è p