MOBBING E MOLESTIE SESSUALI

in
Chi lavora e chi studia all’Università di Trento ora si può rivolgere alla consigliera di fiducia
a cura dell’Ufficio Stampa dell’ateneo

Pagina web e sportello di ascolto per la consigliera di fiducia incaricata dall’Università di Trento di contrastare le forme di violenza e di sopruso che avvelenano l’ambiente di studio e di lavoro e minano la salute e il benessere delle persone offendendone la dignità. Il riferimento, nello specifico, è al lavoratore mobbizzato, provato emotivamente e fisicamente, così come alle persone che vivono un forte stato di ansia e di stress provocati da molestie sessuali.
L’ateneo, infatti, nel mese di giugno ha creato una pagina web dedicata e ha aperto, nella sede del Rettorato di via Belenzani, uno sportello di ascolto per i casi di mobbing e di molestie sessuali in ambito universitario. L’attività della consigliera di fiducia prevede un calendario di incontri con cadenza mensile ai quali ci si può presentare senza necessità di preavviso, mentre per chi desidera una maggiore privacy c’è la possibilità di chiedere al telefono o per e-mail appuntamenti in date e in luoghi diversi. Alla consigliera può rivolgersi - per approfondimenti, consulenza, assistenza e possibilità di intervento - chiunque studi o lavori presso l’Università di Trento e ritenga di avere subito atti o comportamenti considerati lesivi della dignità della persona o che cagionino disagio psicologico sul lavoro e che siano riconducibili alle fattispecie del mobbing o della molestia sessuale. Il servizio è gratuito. Informazioni su questa e sulle altre attività della consigliera di fiducia e, in generale, sulla tutela della dignità delle persone sono disponibili sulla pagina web dedicata (www.unitn.it/consiglieradifiducia), dove si può trovare anche la videointervista (qui riproposta) con l’avvocatessa Barbara Giovanna Bello, alla quale l’Università di Trento ha affidato l’incarico.

Barbara Giovanna BelloÈ stata scelta una persona esterna all’ateneo - si spiega - per garantire la neutralità, la riservatezza e l’indipendenza rispetto ai casi trattati. Considerata inoltre la vocazione internazionale dell’Università di Trento, la consigliera dà la propria disponibilità a ricevere non solo in italiano, ma anche in inglese o in tedesco.
Barbara Giovanna Bello, avvocatessa, è impegnata da anni nella sfera della tutela dei diritti umani, della norma anti-discriminatoria europea e delle pari opportunità, in collaborazione con vari enti e organizzazioni non governative, a livello nazionale ed europeo. È anche autrice di diversi articoli in tali ambiti.
L’ateneo di Trento aveva previsto l’istituzione della figura della consigliera di fiducia ancora nel luglio 2008, contestualmente all’emanazione del “Codice di condotta contro le molestie sessuali” e del “Regolamento per la prevenzione e tutela dei lavoratori nei confronti del fenomeno del mobbing”. La figura, di matrice europea, è prevista sia nella Raccomandazione della Commissione europea relativa alla “Tutela della dignità delle donne e degli uomini sul lavoro” (92/131) sia nella Risoluzione del Parlamento europeo sulla “Designazione di un Consigliere nelle Imprese o Consigliere di Fiducia” (A3-0043/94).

La consigliera di fiducia è chiamata a prevenire, gestire e aiutare a risolvere i casi di molestie sessuali che hanno luogo nell’ambiente di lavoro o di studio e di mobbing, portati alla sua attenzione. A tali fini, svolge principalmente due funzioni. La prima consiste nell’ascolto e nella tutela della parte che si ritenga vittima di molestie e mobbing. La consigliera potrà anche aiutare chi si rivolge a lei a elaborare eventuali procedure informali o formali di risoluzione del conflitto o del disagio. L’altra funzione prevede attività di informazione e formazione, finalizzate alla sensibilizzazione contro le forme di mobbing e molestie sessuali e alla prevenzione di tali fenomeni.

 

I colloqui con la Consigliera di fiducia sono individuali e gratuiti, si possono effettuare senza preavviso attraverso lo Sportello di Ascolto, situato nella sede del Rettorato in Via Belenzani 12, (terzo piano, a destra uscendo dall'ascensore) secondo il seguente calendario:

venerdì 30 settembre 2011 ore 12.00 - 16.00
venerdì 28 ottobre 2011 ore 12.00 - 16.00
venerdì 25 novembre 2011 ore 12.00 - 16.00
venerdì 16 dicembre 2011 ore 12.00 - 16.00

 

Inoltre, è sempre possibile incontrare la consigliera, previo accordo telefonico o per e-mail, in una data diversa da quelle sopra indicate e in un posto