Shylock, foto Raffaella Cavalieri, IguanaPress

SHYLOCK: IL MERCANTE DI VENEZIA IN PROVA

in
Incontro con Moni Ovadia e Shel Shapiro nell’ambito del ciclo Theatrum Philosophicum della Facoltà di Lettere
di Michele Flaim
Approfondimento: 

Nel contesto dell'iniziativa “Theatrum Philosophicum”, lo scorso 26 febbraio, nella platea del Teatro Sociale di Trento si è svolto l'incontro con Moni Ovadia e Shel Shapiro, protagonisti dello spettacolo “Shylock: il Mercante di Venezia in prova”.
Ovadia, che con Roberto Andò firma testo e regia dello spettacolo – si confronta con il personaggio di Shylock, che aveva sempre rifiutato di interpretare nonostante le molte richieste ricevute in quanto “ebreo più famoso del teatro italiano”. Ispirandosi alla pratica registica di Tadeusz Kantor, Ovadia non recita (jouer) il testo di Shakespeare, ma entra in relazione ludica con esso (jouer avec), mettendosi, a sua volta, in gioco. Lo spettacolo instaura così un rapporto dialettico con il testo, un andirivieni tra il play di Shakespeare e la nostra contemporaneità, nella cornice del teatro del teatro. Ovadia interpreta, infatti, il ruolo di un vecchio regista da tempo inattivo, che viene convinto da un  ambiguo impresario (Ruggero Cara) ad allestire “Il mercante di Venezia”. Il regista intende impiegare per la messa in scena il vero Shylock (Shel Shapiro) per fargli ottenere finalmente quella libbra di carne che da quattrocento anni gli viene negata e lo costringe a un'agonia senza fine. Nel finale, tuttavia, l'ipotesi registica di rovesciamento del testo shakespeariano naufragherà e non solo Shylock verrà ancora una volta gabbato, ma lo stesso regista dovrà cedere il proprio cuore - la propria anima d'artista - al mefistofelico impresario.

Una scena di Shylock, foto Raffaella Cavalieri, IguanaPressCome in Shakespeare, la scena si apre con il monologo sulla tristezza di Antonio, recitato dal regista, tristezza che diventa anche la nota dominante dello spettacolo. Ben presto però il personaggio di Antonio passa all'impresario (già animatore sulle navi da crociera!) e il regista si appropria di tanto in tanto del personaggio di Shylock, quando questi crolla esausto sul letto d'ospedale, assistito da un'infermiera (Lee Colbert) che interpreta anche il ruolo di Nerissa, la cameriera di Porzia (Federica Vincenti), che per parte sua è un'attrice disposta a tutto. Il regista e l'impresario si appropriano all'occorrenza anc