TebNad - Fotolia.com

LA PRECARIETÀ IN UN’OTTICA DI GENERE

in
Un convegno interdisciplinare: la famiglia, il mercato del lavoro, la cultura, il quadro giuridico, i temi affrontati
di Barbara Poggio

Esiste un intreccio tra genere e precarizzazione dei corsi di vita nella società contemporanea? Come si declina? Quali contributi possono offrire discipline diverse all’analisi di questa relazione? Sono queste le principali domande cui hanno cercato di rispondere il folto gruppo di studiose e studiosi riuniti a Trento il 13 e 14 novembre in occasione del convegno “Genere e precarietà”, promosso dal Centro Studi interdisciplinari di Genere in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità e la Consigliera di Parità della Provincia di Trento.

Il tema della precarietà e delle implicazioni in termini di genere è stato affrontato a partire da diverse prospettive (culturale, sociologica, economica e giuridica) che sono state delineate da quattro autorevoli voci: Clotilde Barbarulli ha cercato di mettere in luce la relazione tra genere e precarietà nella narrativa contemporanea, concentrandosi soprattutto sulla perdita di fiducia nel futuro legata alla condizione di guerra infinita e sul tipo di lavoro richiesto nella fabbrica globale del neo-liberismo; Chiara Saraceno ha invitato invece ad una contestualizzazione della precarietà all’interno di una più ampia cornice sociale e storica, dedicando particolare enfasi alle dinamiche familiari; Manuela Samek Lodovici ha efficacemente richiamato le diverse conseguenze della precarietà su donne e uomini nel mercato del lavoro, affrontando la questione del rapporto tra flessibilità e sicurezza; infine Donata Gottardi ha tratteggiato il quadro giuridico, evidenziandone le criticità e indicando alcune possibile coordinate in cui orientarsi.

La ricchezza del convegno e la rilevanza di una prospettiva interdisciplinare è tuttavia emersa soprattutto all’interno delle diverse sessioni che hanno ospitato una pluralità di contributi, offrendo un quadro articolato e composito delle diverse sfaccettature del fenomeno considerato. La globalizzazione, l’accentuarsi dei fenomeni migratori, l'ingresso delle donne nel lavoro retribuito, il mutamento delle relazioni familiari e delle scelte procreative, la crescente destandardizzazione e deregolamentazione del lavoro, fino all’attuale crisi economica, sono stat