CoSBi ufficial logo

RICK RASHID VISITA IL COSBI

in
Il Senior Vice President per la ricerca di Microsoft torna a Trento, a tre anni dall’inaugurazione del centro di ricerca Microsoft Research-Università di Trento
di Monica Valentini

La visita al Centro CoSBi conclude un tour europeo nel quale Rick Rashid ha incontrato i responsabili e i ricercatori dei centri europei con cui Microsoft Research collabora. Dopo Parigi e Barcellona, sedi rispettivamente di The Microsoft Research-INRIA Joint Centre e BSC-Microsoft Research Centre, Povo è l’ultima tappa prima del rientro a Redmond (Washington) .

CoSBi rappresenta il primo centro di ricerca europeo in cui Microsoft lega il suo nome a una entità terza, l’Università di Trento, per dar vita a un centro con l’obiettivo di accelerare le scoperte scientifiche e trovare nuove soluzioni ai problemi posti da informatica e biologia.
Nel corso di questi tre anni i rapporti tra CoSBi e Microsoft Research si sono consolidati grazie anche agli scambi attivati tra i ricercatori e all’organizzazione congiunta di eventi scientifici di alto livello che, uniti ai risultati scientifici raggiunti dal team CoSBi, ha permesso di prorogare la collaborazione fino al 2015.

Dal 2000 Rashid è a capo del settore ricerca del colosso informatico che coinvolge più di 800 ricercatori in 6 laboratori sparsi per il mondo. Gli ambiti di ricerca sviluppati nei centri presenti in Asia, Europa, America spaziano dall’interazione uomo-macchina, grafica e multimedia, sicurezza, motori di ricerca, algoritmi e teoria computazionale. Tutto questo nell’ottica di raggiungere sempre maggiori progressi in ambito informatico collaborando e confrontandosi con i maggiori gruppi di ricerca del mondo accademico e industriale.

Questi e altri temi sono stati affrontati da Rick Rashid nel corso della conferenza pubblica di fronte a un pubblico composto da ricercatori, studenti universitari e studenti delle scuole superiori trentine. In particolare si è soffermato sul ruolo della ricerca di base definita “una scommessa per il futuro: non solo è fonte di nuova proprietà intellettuale in grado di trasformare tecnologia innovativa in nuovi prodotti, ma