In primo piano: Romano Prodi, foto Roberto Bernardinatti, archivio Università di Trento